Studio della reologia dei fluidi granulari immersi, governati dalla gravità, a diverse diluizioni

18 Giugno 2014

La ricerca di cui ci stiamo occupando riguarda la comprensione di fenomeni tipici dell’ambiente montano e, nello specifico, delle colate di detriti e delle valanghe di neve.

storia5

Si tratta di fenomeni che avvengono con bassa frequenza ma che possono comportare gravi danni e, in alcuni casi, vittime. Possono diventare vere e proprie catastrofi, come testimonia quanto avvenuto a Stava nel 1985.
L’obiettivo della ricerca è la comprensione di come questi fenomeni si innescano, si sviluppano e possono essere fermati. Lo studio permette di produrre strumenti utilizzabili nella modellistica matematica, finalizzati quindi alla mappatura del rischio di un territorio. Un altro ambito di applicazione è quello dell’ottimizzazione dei criteri progettuali che oggi spesso portano a strutture sovradimensionate e quindi più costose.
La ricerca avviene mediante il monitoraggio dell’interazione tra particelle solide e l’acqua attraverso uno strumento denominato colonna in cui vengono riprodotte le dinamiche di galleggiamento e trascinamento. Precedenti studi illustrano il comportamento di una singola particella mentre questa ricerca analizza come la presenza di altre particelle influisca su questa interazione.
Potrei dedicare tutta la mia vita alla ricerca. Mi appassiona e inoltre trovo sia utile per il benessere perchè è mossa dal desiderio di migliorare le cose.

ENTE OSPITANTE Università degli Studi di Trento - Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica
 
Elena Nucci  
50 prove svolte
3 convegni internazionali
3.400 ore di ricerca