Il segreto del bosco vecchio

09 Febbraio 2018

I ragazzi con disabilità, ospiti dell’associazione di Sfruz “La Magica Fattoria”, protagonisti di uno spettacolo teatrale ispirato al romanzo di Buzzati

La disabilità, vista non come un limite ma come un’opportunità da scoprire e valorizzare. È l’obiettivo, nobile, che ha caratterizzato “Il segreto del bosco vecchio”, un laboratorio teatrale rivolto a venti ragazzi che ha portato alla nascita dell’omonimo spettacolo basato sul romanzo di Dino Buzzati. Un progetto che ha segnato l’incontro tra ragazzi con disabilità e coetanei normodotati, in un percorso di conoscenza reciproco.
Un progetto, durato circa otto mesi, che ha visto i ragazzi stringere amicizia fra di loro e conoscere i registi, Jacopo Laurino e Laura Galvani, grazie a incontri settimanali, per poi dedicarsi anima e corpo alle prove che li hanno visti impegnati per circa 500 ore. Poi, l’atteso momento del debutto sul palco della sala polifunzionale del Comune di Sfruz e gli applausi.
E proprio l’apprezzamento del pubblico presente ha fatto sì che lo spettacolo venisse riproposto qualche giorno più tardi. Ora l’obiettivo dell’associazione “La Magica Fattoria” è fare in modo che questa esperienza non vada persa, anzi che diventi un appuntamento fisso continuando ad usare uno dei linguaggi di comunicazione più potenti, immediati ed efficaci, quello del teatro.

PROMOTORE La Magica Fattoria
PARTNER

Cooperativa Sociale Arché
Gruppo Teatrale Moreno Chini
Corpo dei VVF di Sfruz
Società Cooperativa Sociale Aquilone
Assessorato alla Cultura del Comune di Predaia
Assessorato alla Cultura del Comune di Sfruz
Corale Polifonica Antares
Liceo B. Russell di Cles

Gianfranco Zueneli
500 ore di prove
20 ragazzi coinvolti
1 replica